FAMIGLIA CAVALCANTI

Raccolta BEZERRA CAVALCANTI MARCELO

Accademia del Piano

No século XV, na Igreja de Santo Spirito, em Firenze, aconteceram reunioes frequentadas por intelectuais como por exemplo: Leonardo Bruni, Niccolò Niccoli, Roberto de'Rossi, Gianozzo Mannetti. Eram grupos culturais independentes que se formaram sucessivamente, sem esquecer o Laurenziano de Careggi, os intelectuais acham em Santo Spirito o clima criativo e inspirador para formar as primeiras academias literarias dos 400's (1)

A preciosa biblioteca de Santo Spirito em 1450 tinha 577 manuscritos, foi declarada inalienavel pelo papa Paolo I em 1465 e manteve-se intacta até 1763, depois da invasao de Napoleao Bonaparte em 1808 os livros raros foram transferidos para a Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, catalogados como CONVENTI SOPPRESSI e outra parte foi para a Biblioteca Laurenziana.

Em 11 de Novembro de 1452 foi inaugurado um mercado de cereais que concorria com o de Orsanmichele, o novo mercado ficava na Via Maggio, até a Ponte Santa Trinità, incluia a Piazza Santo Spirito. O Mercado de La, tecidos, da feira permanente de San Martino também foi transferido da Piazza della Signoria para a Piazza Santo Spirito, assim os comerciantes da Arte della Lana vao para o lado de la do Rio Arno, «Oltrarno».(2)

(Inserir a imagem do Stradano della sala Gualdrada in palazzo vecchio giorno di pentecoste a santo spirito)

http://museicivicifiorentini.comune.fi.it/palazzovecchio/visitamuseo/sala_di_gualdrada.htm

Historicamente a familia Cavalcanti trabalhava em torno do Mercato Novo, Via Cavalcanti (atual Via Porta Rossa), Via Calimala e à partir do secullo XV possivelmente também do outro lado do Arno na Piazza Sant Spirito - feira de produtos texteis de San Martino. Na Igreja de Santo Spirito os Cavalcanti tem a capela numero XXXI.

Mapa Google

«... Santo Spirito, chon bello e richo studio, che nel mondo non se ne trova uno simile a quello e copioso di vilumi di ogni facultade. tutti i frati di detto ordine vengono a studiare a Firenze. Pare un grosso castello provveduto di valenti maestri e frati di theologia gran numero sempre in quel luogo vi sono. E per ventura e per lo dietro e del presente vi sono stati i fiore di theologia in questa chiesa...» Marco di Bartolomeo Rustici - 1477.

O complexo agostiniano era um importante centro teologico e cultural. Os intelectuais falavam em italiano - uma lingua que nao tinha o apoio politico do governo, mas tinham a potente sociedade dos «mercanti fiorentini» que usavam o italiano como meio de comunicaçao, e a força do conteudo cultural que o italiano divulgava. A força da novissima lingua italiana é em resumo o fascinio inigualavel das obras literarias publicadas. (3)

Na Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Manoscritti Capponi, Codice CCCXVII, encontrei cartas, lista de nomes, declaraçoes e codigos da Accademia del Piano. Giovanni Cavalcanti participou deste grupo de intelectuais e mercadores fiorentinos. Em Junho de 2013 fiz uma transcriçao dos manuscritos para o formato texto html e publiquei em NOTAS do facebook, no Google + ( cozzare@gmail.com ) e no site www.cavalcantis.webs.com

Filippo Cavalcanti que emigrou da Europa para o Brasil era possivelmente o irmao mais velho de Giovanni Cavalcanti «Dittatore del Piano» , da Accademia del Piano que era um grupo de intelectuais e mercadores, no contexto citado por Wesselofsky, eram escritores, estudiosos, que debatiam os temas em reunioes organizadas. As cartas de Giovanni Cavalcanti para Bernardo Cambi sao maravilhosas, uma fonte documental em breve fotografada e publicada online. Os academicos del Piano usavam um codigo que também transcrevi com nomes de lugares e pessoas. Comparando as listas dos nomes e familias piangianas encontramos varios que depois fazem parte da Accademia della Crusca.

Accademia della Crusca - Centro di Grammatica Italiana

A primeira ediçao do "VOCABOLARIO DEGLI ACCADEMICI DELLA CRUSCA", Lançado em Veneza em 1612, nasceu de um projeto original e genial de um grupo restrito de intectuais fiorentinos quase rebeldes ao Granduca da Toscana.

O texto das primeiras 4 ediçoes do VOCABOLARIO foi transcrito e digitalizado, disponivel no site da Accademia della Crusca, As academias fiorentinas no nicio tinham apoio das potentes sociedades comerciais, A lingua italiana tem enorme conteudo cultural, nos valores e no estimulo da nova civilizaçao do seculo XVI em Firenze. O italiano é a linguagem de maravilhosas obras literarias, O Gran Duca pediu aos membros das primeiras academias fiorentinas para exaltar a lingua patria.

Algumas familias que faziam parte da Accademia del Piano tambem aparecem na Crusca, Bastiano de'Rossi, Lionardo Salviati, Gino Capponi (1869), Filippo de'Bardi, Giambatista Niccolini, em 1605 Galileu Galilei, entre outros que pesquiso aqui.

A primeira obra publicada nao foi dedicada ao Gran Duca da Toscana, mas ao fiorentino que trabalhava na Corte da França, CONCINO CONCINI (que ajudou na carreira de Richelieu e depois a organizar a Académie Française) 

Assim a lingua italiana foi divulgada em todo  o mundo, com integrantes bilingues da accademia inclusive Voltaire em 1746, depois Grimm e Schopenhauer! A Lingua italiana divulga a cultura e ajuda na "energia operosa delle menti". Os Cavalcantis também poderiam ter ajudado na ANTICRUSCA que prentendia ampliar o vocabulario italiano com textos de outras regioes italianas.

= preparar para o video no youtube da CRUSCA  =

www.lessicografia.it

www.vocabolario.org 

com buscador GATTO para auxiliar nas pesquisas em italiano.

Bibliografia

(2)

Autore..............:  Capretti , Elena  

Titolo..............:  Il Complesso di Santo Spirito / di Elena Capretti ; presentazione di Antonio Paolucci

Pubblicazione.......:  [Firenze] : Becocci : Scala, stampa 1998.

Descriz. fisica.....:  63 p. : in gran parte ill. ; 24 cm.

Collezione..........:  Biblioteca de Lo studiolo  

Classificazione.....:  726.50945511 (ed. 20) - ARCHITETTURA DELLE CHIESE CRISTIANE. Firenze 

Numero di record....:  CFI0412431

Natura bibliografica:  Monografia

Paese di pubblic....:  it

Tipo materiale......:  Materiale a stampa

(1)

Autore..............:  Giovanni   da Prato 

Titolo..............:  Il Paradiso degli Alberti  : ritrovi e ragionamenti del 1389  : romanzo  / di Giovanni da Prato  ; dal codice autografo e anonimo della Riccardiana a cura di Alessandro Wesselofski.

Pubblicazione.......:  Bologna : G. Romagnoli, 1867.

Descriz. fisica.....:  4 v. in 2 ; 18 cm.

Collezione..........:  Collezione di curiosità letterarie inedite o rare   

Note................:  Ed. di 202 esempl. num.

Altro autore........:  I. Wesselofsky , Alessandro 

Numero di record....:  SBL0471202

Natura bibliografica:  Monografia

Paese di pubblic....:  it

Tipo materiale......:  Materiale a stampa

Contiene............:  2 : 2: Testo. 

                      3 : 3: Testo. 

                      1.1 : 1.1  / di Giovanni da Prato. 

                      1.2 : 1.2  / di Giovanni da Prato.

(3)

http://www.accademiadellacrusca.it

===============


ACCADEMIA DEL PIANO


Firenze, Secolo XVI, Transcrizione fatta da BEZERRA CAVALCANTI MARCELO, Giugno 2013.

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE DI FIRENZE

CATALOGO DEI MANOSCRITTI POSSEDUTI DAL MARCHESE GINO CAPPONI (1845-FIRENZE)

Pezzo 549 - Lettere di Giovanni Cavalcanti a Bernardo Cambi ed altri - Codice CCCXVII (317)

=================

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317)

«Accademici e Altro del Piano»

Scritti Varri degli Accademici del Piano

 

Accademici e altro del Piano

Gneo Scaracchio Dittatore - Giovanni Cavalcanti

Gaio Ciaverco Pon. Max. - Iacopo Pitti

Cesarco Aulquino senatore - Angiolo Gulcciardini

Agiarco Pione senatore - Bernardo Cambi

Gaio Plutonico senatore - Iacopo Salviati

Tiberio Ciaverco (vanocrete) senatore - Filippo Mannelli

Publio Graveratto Protocista - M. Piero Guicciardini

Coccio Scorone - Agostino Palone Tom N°

Luincunci - Bandini

Bogia - Del Bene

Adomolchi - Gaddi

Plutonei - Salviati

Alfca - Pisa

Portici di Bacco - Casa Pitti

Appio - Raimondo

Atranino - Massimo

Gaio - Iacopi

Titi - Agnoli

Decimi - Girolami

Fausto Imperiere - Ruberto Ridolfi

Emilio Luadro - Hanobi Montanti

[verso]

Agripa Datrone - Lionardo Datti

Volpisco Pio - Nofri Bracci

Tulliano Dinuborid Giambardo - Giuliano di Niccolò Gondi

Busisi - Giulian Gondi

Lucintolto Giambarda - Iacunm Bacciolto Gondi

Radiponia Chiarigino - M. Maccio Mgalini

Spuriolo Alidono - Cecchino Gianfigliazzi

Decimo Bracchiense ercientale - Girolamo da Lommaia

Tito Frigione - Angiolo Niccolini il cardinale

Crispo Mencherini - Stuomo Plebeo

Luinto Coicodrillo - Piero Capponi

Mese Ambaciolto - Settembre


(Maglibechiana, Classe VIII, Codice 47)


Pagina 4 - Nota di Nomi propri in Lingua Pianigiana - Nome de XII mesi che son casate che icalsuna haveva un senatore


Genaio - Scaracchio  Cavalcanti

Febbraio - Badiponi Pucci

Marzo - Afrifio Miniati

Aprile - Corinello Mei

Maggio - Labcone Brucellai

Giugno - Pisignomi Barbaderi

Juglio - Simpofio Masi

Agosto - Ciavereo Pitti

Settembre - Baverese Mannelli

Ottobre - Ambracetto Altoriti

Novembre - Graocrolto Gucciardini

Dicembre - Piane Cambi


Nomi di Casati


A


Ambracelti - Altoviti

Agatoni - Bartoli

Arzanali - Di Cante

Afrisii - Miniati

Acetoni - Bicci

Alpri - Ginori


B


Bambolini - Antimori

Balenci - Martelli

Barboni - Nerli

Biagini - Nobili

Baluam - Ricasoli


C


Comisini - Borgherini

[verso]

Cirenei - Cini di Pisa

Ciredolfi - Guadagni

Corinella - Mei

Cibaconi - Mormorai

Ciaverei - Pitti


D


Dormiglioni - Bartolini

Dragoni - Carmesecchi

Doralice - Frescobaldi

Diavolelti - Morseli


F


Falangiolti - Buondelmonti

Flavii - Martini

Frusonei - stuti


G


Giambardi - Gondi

Galliensi - Lamfredini

Graverolti - Guicciardini


H


Himenei - Bolti


I


Imperieri - Ridolfi

Iuliani - Capponi

Iulquini - Venturi


L


Labeoni - Bucellai


M


Morigei - Di Bona Ragagei

Menachini - Del Bene

Mideni - Gianfigliazzi

Maximi - Medici

Moncherini - Perini

Malandrochi - Rinuecini

Madiacci - Marsupini


N


Nugolonti - Bardi

Nipotini - Detti

Numerini - Nicolini


P


Pisignomi - Barbadori

Pioni - Cambi

Pii - Bracci

Pratolini - Neromi

Platonei - Salviati

Pallastri - Del Tovaglia

Pancecchi - Camigiani


Q


Quintini - Berardi


R


Raverese - Mannelli

Radipenini - Puccini

Radiponii - Pucci

Rododaphni - Vettori


S


Scarbazzoni - Albizi

Spilleltoni - Aciaiuoli

Scaracchi - Cavalcanti

Scimitarri - Carducci

Stillosii - Colonnesi

Spetessei - Tolommei

Scatizzi - Farnesi

Simposii - Nasi

Scapiglioni - Strozzi

Spignesi - Segni


V


Volusii - Alamanni


Pagina 5 - Nomi Proprii d'Huomini


A


Anco - Antonio

Annio - Andrea

Anco Spurio - Antonfrancesco

Aulo - Giovanbatista

Agrippa - Ludovico

Artasino - Orfino

Appio - Ramondo

Aurino - Salvestro

Afranio - Tommaso


C


Corvino - Adovardo

Cascio - Lodovico

Cesarianco - Marcantonio

Ceso - Marco

Curtio - Pandolfo

Coriolano - Ottaviano

Coriolo - Ottavio

Crispo - Domenico


D


Druso - Carlo

Dormitio - Benedetto

Decimo - Girolamo


E


Emilio - Hanobi


F


Florio - Donato

Furia - Matteo

Fausto - Ruberto

Fululo - Simone


G


Gnco - Giovanni

Gaio - Iacopo

Gallio - Laltantio


L


Lucio - Alessandro

Licinio - Cammillo

Laterano - Guasparri


M


Marao - Berbardo

Mamerco - Luigi


N


Numerio - Niccolò


P


Pomponio - Guglielmo

Planco - Goro

Publio - Piero

Pocolo - Michele

Publiamo - Pierantonio


L


Luinto - Bartolomeo


R


Rutilio - Rimaccio


S


Statio - Amerigo

Sbarbazone - Albizo

Sturdino - Bastiano

Seste - Cosimo

Scevola - Cesare

Sapario - Francesia

Sulpitio - Federigo

Servio - Lorenzo

Itatilio - Raffaello

Scauro - Vicentio

Spetezzeo - Tolomaco


T


Tito - Agnolo

Tulio - Iulio

Tiberio - Filippo


V


Vitellio - Cristofano

Varro - Gismondo

Vopisio - ouoferi

volcatio - Stefano

Valerio - Pagolo

Voluso - Alamanno


(Dalla Maglibechiana, Classe VI, Codice 35)


=========================================


Transcrizione Pagina 7


Indice di Nomi Stratti dal Cod 126, Classe IX (Magliabechiana II, III, 427)


A


Alessandro - Lucio

Agnolo - Tito

Adovardo - Marzio

Antonio - Anco

Alamanno - Voluso

Alfonso - Bibone

Andrea - Annio

Antomfrancesco - Anco Spurio


B


Bartolomeo - Lucinto

Bastinao - Iturdino

Benedetti - Papirio

Bernardo - Marco


C


Cosimo - Sesto

Carlo - Druso

Camillo - Licinio

D


Domenico - Sulpizio

Donato - Florio


F


Federigo - Lucano

Filippo - Tiberio


G


Giovanni - Gnco

Giovanbatista - Aulo

Girolamo - Decimo

Giulio - Tullo

Goro - Planzio

Guaspari - Laterano


I


Iacopo - Gaio


L


Laltanzio - Gallio

Lionardo - Acrippa

Lodovico - Cascio

Lorenzo - Servio

Luca - Stoltio

Luigi - Manterco


M


Marco - Ceso

Marcoantonio - Cesanco

Martino - Flavio

Matteo - Dirio

Miniato - Afrisio


N


Niccolò - Numerio

Noferi - Nopisio


O


Ottavio - Afrannio

Orfino - Artasino


P


Pandolfo - Cinzio

Pagolo - Valerio

Piero - Publio

Pierantonio - Publianco


R


Ramondo - Appio

Ridolfo - Dimperiero

Ruberto - Fausto


S


Salstio - Aarino

Scimone - Fulvio

Salvestro - Aurino


T


Tomaso - Stazio


V


Vicenzio - Scauro


Pagina 7 verso


Nomi delle case de'Piangiani che infino a qui sono state acettati


A


Acciaiuoli - Spilleltoni

Allori - Sbarbazzoni

Altoviti - Ambracelti

Antimori - Bambolini


B


Barbadori - Pisigniogni

Bartotini - Dormiglioni

Bartoli - Agatoni

Berardi - Luinziani

Boni - Morigeni

B

Bolti - Himenci

Bracci - Pii

Buondelmonti - Falangiotti

Bardi - Mugoloni


C

Cambi - Pioni

Capponi - Iuliani

Carnesecchi - Dragoni

Cavalcanti - Scaracchi

C

Cini - Cirenci

Canti - Arzanasi

Carducci - Scimitarra


D


Deti - Niptoni

Diaceti - Maluoni


F


Frescobaldi - Doralice


G


Giantigliazzi - Mideni

Girolami - Dindioni Decimi

Gondi - Giambardi

Guicciardini - Graverolti


L


Lamfredini - Galliorsi


M


Mannelli - vaveresi

Mei - Corinelli

Medici - Massimi

Minerbelti - Nespi

Miniati - Afrisii

Morello - Diavoletti

Martelli - Balenei

Martellini - Carocci


N


Nasi - Simposii

Neroni - Pratolini

Nerli - Barboni

Nobili - Biagini

Niccolini - Numeri Sregioni


P


Pitti - Ciaverei

Pucci - Bardiponii

Pazzi - Etrischi


R


Ridolfo - Imperieri

Ricasoli - Balaem

Ricci - Acetoni

Rucellai - Labcani

Rinnccini - malandrocchi


S


Strozzi - Scapiglioni

Segni - Signiensi

Sommai - Brachienci Pinciotti

Salviati - Plutonci

Stusi - frusoni


T


Torrigiani - Piergei



==================================


Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317)


Pagina 9 - L'Historia della cacciata di Gaio Ciaverei Pon Max del Piano, di Decimo Corinella da Perotola ec. Cosi era chiamato Gerolamo Mei in Lingua Piangiana. Di Giovanni Berti Proemio - alla pagina 88.



=================================

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317)

 

Pagina 89  


CONCIONE DI GNCO SCARACCHIO DITTATORE NEL FORMAR L'ORDINE DE CAVALIERI DEL RAPICORNO CAVATA DAL QUARTO LIBRO DEL RITORNO DI GAIO DALLI ANTIPODI IN PIANO. 


 Tutti quanti li Principi, tutti ai Governatori di regni et di Republiche ne loro tempi lodati, et dalla memoria de posteri veracemente celebrati hanno sempre usitato o popolo piangiano, con leggi, con ordinamenti et con beneplaciti largire desiderabi lipremii et honori alla vertu di coloro i quali in ogni chiara protessione et massime dell'erme havessero di gran lunga vie più che gli altri meritato; conoscendo nel vero quando per quella peritia si conserva felicemente la publica salirte per entro i perigli maggiori. Da questi premi, da questi honori alleltati gli animi ambitiosi et grandi hanno fatto tal'hora prove si lodate et care che egli no imedesimi et il Principe stesso han tenuto il primo e l'grado conseguito, manco degno del merito loro; questi da nobile alle rigia commossi non ponderavano il merito loro col premio ma con la compagnia di colore a quali nel salire del grado s'erano pena adeguati: parte de quali scorgendo per molto meno pregiata aperatione havere aequistato la medesima degnità si cotristavano assai, laonde nese guiva o dispregio di quelli e meloro contentezza, e da l'uno et da l'altro surgevano accidenti perloro medesimi per il Principe et per lo stato pernitiasi et quese mali a questi pericoli procacciare medicamenti handrati alcuni prudentissimi et potentissimi Principi i quali havendo hereditato l'imperii et li regni ripienti di premi et di honori condegoni alla virtù et a meriti humani innalzarono in grado sopreminente, stabilirono in seggio eccelso il premio et la gloria delli humori Per questo gli angelici Rè cinsero la gamba stania della giarrettiera, per questo i Re gallici appesero al collo l'imagine di Procolo Divo; et li Duchi di Borgogna ornarono del vello d'oro i sacri petti di quelli che con virtu et meriti sopra humani s'erano per li loro stati fidelmente affaticati tal che rispondendo in loro et la virtù et l'ingegno s'aggua gliano in gloria et degnità alla propria persona reale laonde conoscendu l'imperio piangiano non inferiore a qualunche de conti si per potenza et per grandezza di stato, si ancora per chiarezza di soggetti d'ogni titolo più glorioso condegni haviamo per cagione di riconoscere l'heroico virtù a imitatione de'predesti deliberato di ercare l'ordine de cavalieri del Piano; del quale essendo insigniti coloro che haveranno sino a qui più gloriosamente per il nostro imperio meritato, habbino l'autorità suprema del governo et delle legioni piangione, l'eccesso grado de quali essendo emulato da molti sia per sua grandezza et per salute del Piano da non pochi eltencito el li senatori annighitsiti nel possedere li più horrevoli seggi di questo imperio si sveglino da questa luce abbagliati et comardem?tissimo zelo di non restare inferriçore ad alcuno, s'accinglino a quele più desiderabili operationi che l'occasione delle stato addor mia nda et l'attitudine et virtù loro più felicemente li sprdna(Della Maglibechiana, Classe IX, Codice 126)



==================================



Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317)


Pagina 96


GNEO SCARACCHIO DITTATORE DEL PIANO


Essendo ricorso dinanzi al nostro senato Scauro Pucci conerso e procuratore dell'universittà dell'ordine sacerdotale del divo Crispo supplicando che la causa et disputa dell'acque si langamente fra di voi agitata e durata sia finalmente dal nostro prudentissimo senato decisa e terminata, e desiderando noi a benefitio comune che ciascuna parte possa, toldo via tal litigio, più commodamenti li suoi misteri e magisteri attendere e procurare. Comandiamo a te Quinto Bandinella fautocciaio equite che il XXV° sole del prossimo mese comparisca personalmente e con tutte le tue ragioni et atti ti riappresenti ne le sase di Tito Scapi a udire e contradire e difendere quanto da li de tti fra Scauro e loro procuratore o avvocato ti farà apposto. Protestando che non comparendo oltre a pregiudizi della contumacia ti pronuntiaremo incorso in tutte le nostre più gravi censure con le persecitioni delli Eburnel delle erei e de li funerei dlle cantilene brancalarchesiche e pilture bacchiacchesihe.


Dat in Piano il XVIII° sole del mese Ciavereo anno secondo Olympiade terza della reforma.


GN: SCAR


Deciniso Cirteo secretario ec



==================================

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317)


Pagina 109 verso


COPIA DELL'INHIBIZIONE A DOMIZIO BARBONE


Noi che di continuo all'occorenze e pianigiane cure intentamente inugiliamo per potere secondo che ricerca il debito nostro canorche nel mezzo di nostri privati negozi dalla piaigiana utilità e quiete attendere e provedere. Avendo benignamento salcepuna supficazione sutaci presentata da uno Gnco Cazifico iurisconsulto aglecontro ad uno Caio Chiavaccio anima nera altrimente prete baggiana per conto d'una lite d'una possessione già più tempo fa infra eslivertente, per la qual casa intestiamo Gneo Cazifico essere stato appresco di te et al tuo erario Lucio Orlandi avere accisate et inquisito Caio Glnavaccio Anima Nera laonde depderando noi detta controversia infra li sopradetti (secondo la grandezza e giustizia piangiana) confinale e giusta sentenza del prossimo futuro cencistoro giudicare e finire. Notifichiamo, dichiariamo e protestiamo a te Domizio di Tiberio Barboni per la Marina Volterrana che all'auta di questa facci subito intendere e notificare per un asiniente stafetta a Lucio Orlandi tuo vicario nel volterrano che non malesti nè altrimenti per talconto proceda contro al cad. Caio Chiavaccio Anima Nera. Ma subito gli faccia in propria manodara il protesto il quale a quest'estelto con questa ti mandiamo altrimenti facendo ti si procederà contro come a disebbediente e transgressore degli ordini e comandamenti nostri pontifice.


Data in Pecciolea il 27 sole del mese Scaraccio


===================================


Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317) Pagina 113


MAGNIFICO SIGNOR MARCO


  Io comincò a coscere che quel simposio si va ritirando più che mai, voi che per sua parte mi havevi a questi giorni bramato, cominciate a negare, ricordisi che persona è il dittatore e quanto le cusfie senza l'unione del piano vaglion poco cominei a pensar che alla fine d'agosto sono i beccafichi e molte altre cose e sdimentichisi il passato che quasi non fu nulla.


Neggo che alloggiasti poco alle valdese e eredo che a rivedere il grannello vi costassi quel tempo et a usar la villa per piacere non bisogna che ci pensiate senza me che con quelli esereizi sino al chiesimo, e mille belle sorti di trattenimenti vi fo per tutto riavere, conosco che vi riserbasti per a quel tempo.


Io prego Gaio di quattro stanze dell'assedio e della vittoria, aiuta temi perchè le venghino, pensa che la materia sia sempre migliorata e cresciuta si come me par sentire.


Lui si tiene per cosa certapiù giorni la rotta e prigionia dia thermes perchè la parte spagnnela con buoni avvisi l'affermava per sicura. Dipoi venne ieri lettere di Corte di Francia nell' Imbasciatore et altri le quali dicevano che ritirandosi Thermes vers'il suo paese intendendo che gl'inimici venivano per assaltarlo fu sopragiunto quando haveria mezzo passato l'esercito il fiume che è sotto Gravelin, e fu assaltato alla coda et alla fronte, e combatte molto honoratamente, e che finalmente delto Thermes con la preda andò al suo cammino di Calesmon havendo manco dato che tocco; qual sia vera giudichila chi ne sà più di noi; e qui si da'scammesse a tutto transito. Dicono ancora che da ogni banda si eresccra gli eserciti, et è tanta la caldezza di tutta che molti vogliano che i sieno per vinire alla zusta come sae costono se già non segue qualche appuntamento nel quale invero si spera poco. Se bene i Principi di germania si vogliono metter di mezzo giudicato sol rimedio a spegner cosi gran fuoco. Il mannello vuol che la necessità faccia quest'effetto, la quale se fussi tale che noi ci imagincamo Potria essere ma degli altri non l'intendono cosi, a noi basta che presto finisca il caldo e che ne venghino i leccafichi e a voi basterà che io termi a tormentaroi, intanto state allegramente e satutate Tito et io a voi mi offero e raccomando e a tutti gli amici: a 30 luglio 1558.


Tutto Vostro   Gio:Cavalcanti in Lione


(Magliabechiana, Classe X, Codice 18)


==================================

 

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317)

Pagina 117


MAGNIFICO MESSER BERNARDO


Io ho ricevuto la vostra de sua stante alla quale per que sta farò quella risposta che mi ocorre dicendovi che io serissi come havete visto e mi persua do che le lettere arrivassino costi alli 10 e forse in tempo da potere senza grande scomodo presentare, se per altri rispeti sarà pacto tempo a proposito. Io nun sendo avvertido di costi d'altro serisci raccomandando mi molto cercando di stringere in modo che sua Eccellenza si compiacesse di interporre la sua autorità nel che consiste il tutto, perchè senza questa com'ho detto non spero nelle composizioni ci si facesci frutto alcuno; intanto aictiamoci nella lile. Io possuato che voi tenghiate ragguaglio messer Agnaldo, e forse cne 10 le seriverrò con queste. 


Neggo la buona cesa che avete fatta nelle cose simplisce di che non vi dispiaccia che io vi porti un poco d'invidia non già per altro se non per non vi esser presente. Per il dirmi voi che mi conselando. Piacemi la pratica del Diopago dove vo'considerano che si debba far gran soldi essendovi simil teste. Noi vi siete cosi mostrando di far da curla fatt'un bell'honore nel manifestarquella pratica di moglie, e se ben tutti aprovanon crediate per questo che n on conoschino quanto quel povero vecchio s'ingannava n vaversi impacciar con esco voi, ne sà se 'lustino nel suo discorso havesci toca? questi tasti dove e chi dir però asla?casta che tuttavia si vede cose da maravigliarsi. Leguitate di trovardi spesso in simil dolcezze sempre ricordandovoi qualque poco del nostro dittatore disperso per il mondo nè è ancora resoluto quel che abbia a esser di lui salutare per me tutto l'arropago et mio compar Simposio particularmente.

 


Non dirà altro per questa se non che quando so e posso mi offero e raccomando Dio vi guardi agli 8 ottobre 1561.

 


Il vostro Gio: Cavalcanti in Lione


(BNCF, Ms Capponi, 317 codice CCCXVII - PAGINA 117)


====================================

 

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317)


Pagina 119 - Lettera di Giovanni Cavalcanti a Bernardo Cambi - Ottobre 1560


Nesta carta Giovanni Cavalcanti escreve para Bernardo Cambi, copiei alguns trechos, ele disse que esteve na Inglaterra com a rainha que falava muito bem o grego e o latim, esteve em Flanders, e muito tempo no mar navegando....


A Bernardo Cambi


S'io trovavo al mio retorno in Parigi, il qual fu l'ultimo giorno d'ottobre al meno una noltra lettera io vi saltavo adosso con questa mia e con si fatta villancia che alcerto io vi confondevo e i profondevo, ma voi havete fuggito tutto che sto pericolo con la nostra seitta alli 23 di setembre, e massime confessando da hunno da bene che vi siate dato cosi lisonestamente allo sgrattignare, e se bene a voi non pare di profittare molto in questo eserczio, a me , da chi tiene qualche cura del fatto vostro e me ne servire, véen detto di costà il contrario. E pois mai credere che va Marco Pio ne e nel Piano e nel greco oserei fato tanto non fusse per dioenire Eccelentissimo in quolunche protessione dov'egli mettesci quella sua fortissima testa si che da lontano vi si dice buona notte Marco Pione Pupillorum expilator at que peritiscimus sgrassigonatos.


Basta che vi riducete a negarmi il caterino e mostrase di fare aslegnamento sopra la già tre quentata scartea, ma e vi comverrà mutar pratiche e gettaroi da Spagna dove si è ritrovato quel mio fratel maggiore, e se lo facesci non mi dispiacerebbe perchè io sarei ancor fede che voi ha vesli a sgraffignar qualcosa a Li? e forse di che sarei molto lisogo? insegnate qualcosa a me che con?tinuamente casciando quando m? doverrei, vo'giorneande per le contrate d'altri senza tanto pensare a empiere il saccheto come fate voi, mas sia detto a bastanza per burlare inscime senza la sciar però di dar a me stesco qualche colpetto.


Io vi dirò quel che segue: credicate la prima cosa che di tutto quello che si sente ristringendo lo alvero et al fatto ne sia la mettà inanco. I motivi di quia si stimavaro gian di pochè molti asfermavonoche non pochi de signori principali di questo Regno erano per esser contro a questa nuova religione cosa che riesce vana al tutto veggendosi il re di Navarra e gli altri già comparsi alla corte, tal che questo capo principale viene finito. Restarci il contetare il popolo nella cosa della fede il qual popolo lo veggemdosi ora senza speranza di capi et ingannato al tutto in questa parte resta molto sbigoltito e comincia a pentirsi e ritirarsi poichè ha visto infatti essere per la Normandia luogo donde più sitemeva di poi che il re si è armato et ha ordinato di tener gli stati a Orleans, il che da un paio di pascata e di sperenza a questo popolo il quale insonrma è tale che com destrezza facilmente l'ingannerà, e si vede al certo che come costoro ei hanno volscto un poco miglior forma: intanto si va de liberando il concilio come sapete voi meglio, e que sti due gran re sono in tutto molto d'accordo tal che senza dubbio queste regno vao versola quiete nel temer questi (?) ti il che uciol dir chiamar tre or dini di questo regno nobiltà: cler? e popolo di tutte province ne ciochè ciasenno per il sue ordine e per la sua provencia dica tutto quello che gli occorre e senta amco? dal re tutto quello che egli voglia da loro; molte cose anco la cosa riu?scia danari di che costero hanno molto bisogno e procedendo le cose in questa maniera si patria facilmente in con tratto fermar qualche composizione per i poveri cittadini. Turnen è in Corte e gli sono stati fatti maggior onoriche, egli havessi mai et heà grand'autorità et ognuno afferma ch'egli ha buona volontà, Iddio voglia che noi sentiamo à quel tempo che sarà qualcosa di buono. Non o'ho detto questa historia pensando che il Caldano senta alle volte volentieri ovestri propositi. io sono stato in Fiandra e in Inghilterra veggando molti luoghi e con piacere et il mare al passar in là volse farei di mali scherzi e vi so die che il nostro Lucintolto s'arrese e degli altri. Io vi chiamai più volte desiderando d'havere appresso un buono del Piano siper surger la vistai sua si perchè egli potesci far fede della nostra la quale non ha mancato di farsi conoscere dove è stato maggiore il bisogno: è ben vero che Lucintolto ha recuperato l'honor suo proprio a Reville dove essendo assaltati in su la strada, egli con la spada passò la gola a uno assassino voi vedrete di tutto le tavolucrie alla nonziata. ma di tutte le cose seguinte non ci è stato cosa più degna di memoria che il seguito con la Regina d'Imghilterra la qualle sentendo che quivi erano al cerno italiani per vederla hoviemdo grande afezione alla nostra nazione parlando molto volentieri in nostra lingua ci fece dire che non solo voleva che noi la vedessima ma che ancora gli caciassimo la mano. Il che inteso dalla compagnia fumoni dato carico di farper tutti quelli otizio là dove noi sempre non ascendo mai d'craton? dicemono molte cose che potevon convenire a quella cerimonia sua Maestà poi che hebbe udito e risposto molto gratamente, cominciò a domandarmi delle cose d'Italia e particolarmente come si attendeva alli studii percio che Lei è lite ratiscima e chi l'ha molte volte in dita e sen intende afferma ch'ella parla exxellentemente latino e greco e cadendo de guosto, che studii et in che maniera si esercitavano le lettere in Firenze percioche Lei ha notizia di messer Pier Vettori e che ha letto più volte la sua rettorica, mi fece subito povenire che io potevo rispondere con dargli una piena notizia del Piano - e cosi formando le cose a mio piacere e conrispondere alla sua domanda. disci molte cose raccontando con che titoli e con che governo il Piano si reggera non il dimenticandone gli venni a dire del grado del pontifice massimo, et havendotocio una corda secondo l'humor suo bisognò che io tirassi per innanzi, e Lei facendomi alle volte alcune domande da far marivigliare ognuno mi strinse in modo che io fui forzato a raccontarli una parte dell'accasa Papiniana e del sacresco dove la rise tanto che molto signori assai simramgliosono di tanta domestichezza, e cosi ragioonando e passeggiando più di tre ore, meco per un suo giardino mifece stupire stranamente delle domande che mi faceva, et in ultimo mi domandò se tutta la compagnia che era quioi appresso era del Piano, et io respondendo di si, e Lei mi dicce che mi haveri fatto tosto a non mileguitar tutti, e che volentieri ci harebbe visiti nel suo Regno saggiu gnendomi cosi che herebbon fatto esaltare il nostro Gaio sino al cielo ma tutto non si può riferire. ma ulite guesta Luintelto per tutto il caminino ha sempre delle che non andava in Inghilterra per otro se non perchè sentiva che quella Regina non trovava marito che gli pocesse e che voleva provar la sua fortuna e farsegli vedere, e subito arrivato a Corte sentendo che sua Maestà ci volavedere cominciò a sperase, quando poi vidde e lunghi propositi che sua Maestà teneva incio con tanta humanità sempre credetta che io ragionassi del sitto suo dicendo agli altri molte delle cose et io alfine dicendo a sua Maestà che se degnassi laseiarsi caciar la mano agli altri chiamai il primo Lucintolto in onor certa maniera che allora egli tenne per mermo che la cosa fusse acconcia e ai so dire che la venacia grossissima e quali pareva che egli gettassi fuoco, cosi volendo dir qualque cosa non ne fue altro se non che gli baciò la mano. Finito qualto pigliammo licenza, in somma vi dico che questa rarissima donna e se la fussé nella religione per quella santa strada che tienne il buon gucordiano e confervator dell'anima saria cosa perfettissima. Lui e notizia piena de casi farigeni con Gaio messer Bartolommeo e Iusquinino e va buon numero di tordi grassi salutategli tutti per me principalmente cari mi sono stati in uno avviso e massime che me itra tanta speranza nella vita di quel dolce figliuolo deverrenprelto rivederei, seguitate a dirci sempre qualque iosetta è mi piace che gadete la vitta e vo' credere che siate salvidarci alla vitta e mi par la sera crorgervi con il Tasso in mano e la moneta nera. Mi dite di insquie?si molto si ovol ritirare in Ghicsicelle et io stimo che voi l'habitate trattato in modo a quell'anguille che gli sio bisogno all rgarsi dai sosi vostri. Ma? considero bene che egli errerà avon si ricorsono forse quanti voi andes? dietro a una testa porco salrotico? Matteo fa che tu si'suomo da bene e portati in modo che tu: habbi alle volte a partire, vattene per la piana e non ti curare d'gser tenuto astuto.  


Ma io so bene che ho ragionato con coi piu del solito però vo far fine pregandovi a la cutare messe Alamano e messe Filippo, quell Alamanno siricorda poco di me e penso che sia spesso avviluppato in far Lucatine Marco ne fa che tu mi voglia bene et anche mio Tito et io a tutti a lui di core mi osfero e raccomando Dio vi conservi. 


Alli q qbre 1560 il vostro Gnco in Parigi.



==================================

 

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Manoscritti CAPPONI, Codice CCCXVII  (317)

 

Pagina 409


INDICE

delle cose che si convegono in questo volume


Parte I


Nomi degli Accademici del Piano ... carta...1


Storia dalla cacciata di gaio Giaverco, di Girolamo Mei ..... 9


Concione di Gneo Scaracchio ........... 89


Diceria di marco Scapi .......... 91


Lettere di Guadrone re di Melloria, e altre di gaio Giaverco .... 97


Lettere di vari accademici del piano .... 107


_____________________________



Parte II


Apologia de'Cappucci, di F. Ditti ... pagina 1


Del Ritrovero di gaio Ciavero, Libro Primo, del medesimo.......... pag 309


Notizie sulla vita di Iacopo Pitti.............. pagina.... 389  


__________________

______________

_______


===================================

 

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Trancrizione delle fonti dal'MAGLIBECHIANA



Magliabechiana, VI, 35



Historia della cacciata di gaio Ciaverei Pont Max° del Piano di Decimo Corinella, da Peretola & che cosi en nominato Girolamo Meri lingua piang:na di Giovani:Berti


Pagina 82 - Nota di nome propri in lingua pinigiane - nome de cii meri che so casate ebe crase ° sanena n° senatore - XII mese



=======================================

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Magliabechiana, VIII, 47

Provenienza: Marmi


Pagina 211 verso a 215 verso - Diceria nell'Accademia del Piano, accademici e altro del piano, Gneo Scaracchio Dittatore Gio:Cavalcanti


Pag. 216 - madrigali e depois poesias de Pietro Bembo


Pag 356 - Ragionamento nel vedere consolato nell'Accademia


Pag 60  i Gio  LA CEREMONIE, SE ORDINE, CHE HANNO TENUTO NEL'SAERO, ET CORONATIONE DELLA REGINA MARIA DE MEDICI REGINA D'FRANCIA, E D'NAVARRA DENTRO DELLA CHIESA DI S. DIONIZIO A 13 D'MAGGIO 1610.


Il'Rè havendosi resoluto d'andare à far guerra deliberò d' far coronare la Regina avanti che partissi, e d'fare la sua entrata in Parigi, le cosi i parigiani si messero in ordine...


==========================================

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Maglibechiana, II, III, 427


Provenienza: Strozzi in Fol n° 1260

Vecchia Colocazione: Magl, IX, 126

Filigrana: Immagine 6


Pagina 12 - ACCADEMIE


Nomi e Sopanomi dell'Accademia del Piano


Pagina 13 - MAR:Scapi al Pnt Max° del Piano S.


Pagina 15 - GNEO SCARACCHIO DITTATORE DEL PIANO (richiesto fotografare, in berve foto)


Pagina 16 - Lista di Nomi


Pagina 17 - Concione di Gneo Scaracchio ...


 

===========  FINE  ============

Dizionario Geografico Fisico e Storico della Toscana

Nesta fase de ediçao de video, ainda no corte seco e transcriçao de material para o servidor, uso duas ferramentas online para ajudar a verificar as informaçoes na decupagem:

1. O Dizionario biografico degli italiani - Enciclopedia Italiana - Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/tag/cavalcanti/Dizionario_Biografico/


2. O Dizionario Geografico Fisico e Storico della Toscana - Ripetti

Pesquisa online   http://stats-1.archeogr.unisi.it/repetti/database.php


Fichas com CAVALCANTI - mapa da familia na Toscana

1-Passignano - Abazia di Passignano (S. Michele)


http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=25

2-Barberino di Mugello - Mugello


http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=405

3-Ascianello, Scianello


http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=270

4- Badia di Vigesimo (S. Maria) - Mugello

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=270

5- Calenzano (Castello)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=736

6- Castelvecchio (Castelvecchio di Sopra)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=1186

7- Calenzano (S. Donato)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=1258

8- Cirignano

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=1326

9- Colle di Val d'Elsa (S. Marziale) - Vescovati della Toscana (Colle)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=1505

10- Firenze, Fiorenza - Arcivescovati della Toscana (Arcivescovato di Firenze) - Granducato di Toscana - Toscana Granducale - Zecche Diverse (Firenze) - Via Regia intorno alle Mura Esterne della Città di Firenze

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=1951

11- Libbiano - "cattani" che allo storico Ammirato parvero della consorteria Cavalcanti di Volterra

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=2416

12- Lucignano, Lucignano d'Arezzo

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=2497


13- S. Martino in Valle (S. Martino in Valle - Podere S. Bartolo)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=2643

14 - Montaguto, Montacutello di Campoli

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=2775

15 - Monte Calvi, Calvoli (Montecalvi)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=2837

16 - Nicola (Val di Magra) citada nas Istorie Fiorentine - Giovanni Cavalcanti - Cotesta lettera credenziale pubblicata nel Vol. II delle Istorie Fiorentine del Cavalcanti con illustrazioni di F.Polidori (pag. 426)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=2993

17 - Pietra, Pietrina

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=3227

18 - Pieve di Pitiana - Vivajo

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=3290

19 - Poggio a Vento (Poggio al Vento - Case Poggio al Vento)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=3307

20 - Pomarance, Ripomarance - "... Per altro vi è ragione di credere che cotesta sottomissione si sopportasse di malanimo dai Pomarancesi se è vero quanto racconta Giovanni Cavalcanti al capitolo 2° delle sue storie fiorentine, quando disorre del come Battista Arnolfi, potestà di Volterra per la Repubblica Fiorentina, nel 1427... " Citada por Giovanni Cavalcanti nas Istorie Fiorentinehttp://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=3336

21-  Porciano "... Era poi figlio del Conte Tancredi di Guido-Alberto un conte Nieri, o Ranieri, cui appella il sigillo IX del Vol. V de’Sigilli antichi, illustrato dal Manni; il quale Conte Nieri ebbe in moglie Francesca di Vanni Cavalcanti di Firenze; e tanto il di lui padre Conte Tancredi, come il Conte Nieri stesso fra il 1410 e il 1418 servirono il Comune di Firenze in Lunigiana in qualità di commissarj della Repubblica. – (AMMIR. Stor. Fior. T. XVIII). ..."

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=3402

22- S. Miniato, Sanminiato, Samminiato al Tedesco (S. Maria e S. Genesio) - Vescovati della Toscana (Sanminiato) "...Lo scrittore testè rammentato ( Odepor. pag. 194) pubblicò un'altra bolla data in Roma lì 4 dicembre del 1487 con la quale il Pontefice Innocenzo VIII concedè facoltà a Giovanni de' Cavalcanti allora preposto della chiesa di S. Maria e S. Genesio nella Terra di Sanminiato, ed ai suoi successori, di erigere di nuovo nella sua pieve un collegio di canonici e d'istituirvi nuove prebende, con poter estendere le distribuzioni corali quotidiane fino alla somma di fiorini 17 d' oro ecc. E fu lo stesso Pontefice Innocenzo VIII quello che con breve del 30 aprile 1494, incorporò al capitolo della collegiata di Sanminiato la chuesa parrocchiale de’ SS. Jacopo e Filippo a Pancoli...."

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=3769

23- Sarzana, Serezano - Vescovati della Toscana (Luni, Sarzana) - Onde ficou preso Guido Cavalcanti 


http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=3800

24- S. Bartolommeo a Scampata "... Anco fra le pergamene della prepositura di Prato se ne contano diverse sotto gli anni 1255 e 1256 relative a un Cavalcanti canonico, ossia cappellano di S. Bartolommeo a Scampata, il quale si era intruso nel numero de'canonici della collegiata di Prato poco innanzi di essere eletto in cappellano del vescovo Guglielmino Uberti di Arezzo, che poi lo dichiarò arciprete e pievano della chiesa di Cortona. – (L. Guazzesi,Dell'antico domin. del Vesc. di Arezzo)...."

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=3829

25- Castello delle Stinche (Casa Stinche alte - Stinche Basse)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=4027

26- Villamagna (Villamagna - Pieve (a N) - Il Poggio (a E))

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=4418

27- Volterra - Vescovati della Toscana (Volterra) - Zecche Diverse (Volterra)

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=4453

28- Pieve di S. Pancrazio, S. Pancrazio a Licignano, a Lucignano "...Il padronato della pieve di S. Pancrazio in Val di Pesa in seguito pervenne nella casata de’cavalcanti, dalla quale lo ha ereditato per due voci la nobil famiglia Mancini di Firenze e per una voce il Principe...."

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=4523

30- Lucignano di Montespertoli "...Una delle principali ville, compresa nel popolo di S. Stefano a Lucignano, spetta alla nobil casa Guicciardini, comecchè avessero costà possessioni anche il Gianfigliazzi, i Cavalcanti, i Machiavelli ec. –Vedere PANCRAZIO (PIEVE DI S.) in Val di Pesa. La parrocchia della chiesa prioria di S. Stefano a Lucignano nel 1833 noverava 381 abitanti...."

http://193.205.4.99/repetti/tester.php?idx=4840


... e continua o mapa da familia pela Toscana! Sao 33 localizaçoes cadastradas no Dicionario do Ripetti.